Oscar Wilde’s tomb by Jacob Epstein

Joe Blogs

It was good to see recently that the wonderful “Modernist Angel” sculpture by Jacob Epstein for Oscar Wilde’s tomb has been cleaned and restored to its former glory…

The monument was originally commissioned in 1909 by Wilde’s lover and possibly closest friend Robbie Ross, for Wilde’s second resting place at Père Lachaise Cemetery in the city of Paris, his first being the Cimetière de Bagneux outside Paris where Wilde “rested” for only 9 years. The commission was a very important one for the 29 year old American sculptor, who had been in London for only a few years and was still suffering the backlash from his work on Charles Holden’s British Medical Association the year before.

Once again however, Epstein fell foul of the Authorities as the work was condemned as being indecent due to its prominent male genitalia, apparently resulting in it being hidden from public view by a tarpaulin…

View original post 184 more words

Arte e amore, viaggio in 6 puntate: Chagall e Bella (3)

Due minuti d'arte

In questo terzo appuntamento vi raccontiamo la storia tra Chagall e Bella e del loro amore tenero e genuino, che permetteva loro di volare. 

Ci sono amori tormentati, come quello tra Modigliani e Jeanne, ci sono amori fatti di stima e devozione come quello tra Renoir e Aline, e poi c’è l’amore sincero, tenero e spontaneo, quello che aiuta gli amanti a restare per sempre bambini, quello che li aiuta a volare via, a vivere un sogno che pare non debba finire mai.

L’amore tra Marc Chagall e Bella Rosenfeld è un amore di questo tipo, tenero e sincero. Per questo ho deciso di raccontarlo.

La storia tra Chagall e Bella è la terza delle sei storie di amore che dimostrano come l’arte sia figlia della passione, e che per passare alla storia bisogna avere il coraggio di affidarsi al proprio cuore senza timore, perché in fondo è…

View original post 898 more words

Pollock, De Kooning, Newman e gli altri ragazzi del mucchio

La valigia dell'artista

Se uno di questi giorni vi capitasse di trovarvi a Milano, dalle parti di piazza del Duomo, è facile che vi imbattiate in una coda di gente che attende. Attende di entrare in una delle mostre attualmente in corso a Palazzo Reale. Kandinsky, Warhol, Rodin, il Volto del 900 e Pollock. Di roba da vedere ce n’è tanta, ma purtroppo la fila è una sola : quindi, cari miei, qualsiasi esposizione vogliate visitare, dovete comunque sorbirvi l’attesa all’ingresso. Ma ne vale veramente la pena ? Nel caso della mostra Pollock e gli Irascibili, sì. Aperta dal 24 settembre 2013 fino al 16 febbraio 2014, Pollock e gli Irascibili comprende 49 opere provenienti dal Whitney Museum of American Art di New York. Un prestito illustre alla città di Milano.

Fuochi d'artificio Fuochi d’artificio
Jackson Pollock
1950. Olio, smalto e pittura di alluminio su alluminio

Pollock e i suoi amici sanguigni, passionari, irriducibili…

View original post 948 more words

Il Referendum del 17 Aprile spiegato alla casalinga di Voghera – 10 domande e 10 risposte –

Scritti di un semplice cittadino

Il 15/2/2016 è stato indetto dal Presidente della Repubblica (e controfirmato dopo l’approvazione da parte del CdM dal Premier Renzi e dai Ministri Alfano ed Orlando) un referendum popolare abrogativo per il giorno 17 Aprile 2016 relativo all’abrogazione della previsione che le attività di coltivazione di idrocarburi relative a provvedimenti concessori già rilasciati in zone di mare entro dodici miglia marine hanno durata pari alla vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale.

Già solamente leggendo il titolo del quesito (visibile QUI per intero) si può verificare la difficoltà per una “casalinga di Voghera” di analizzarlo e di prendere la decisione corretta al momento del voto; se aggiungiamo una campagna elettorale quasi assente e, sopratutto, basata su informazioni assolutamente fuorvianti si capisce il motivo per il quale l’esito del referendum è non solo imprevedibile ma anche dettato da pure logiche politiche (e dunque non da una reale…

View original post 1,566 more words

Happy Holidays Morphe 35O Giveaway!

Lash-Eyed Beauty

I’m excited to announce my second giveaway!!

Today is Thanksgiving in the U.S. and since everyone is talking about what they are thankful for, my giveaway is dedicated to all you guys! The community here is seriously so nice and I love how we all support each other to help our blogs grow! Thank you guys so much for following and supporting my blog, I appreciate it so much! I love talking with everyone on here and I feel like I’ve made new friends from everywhere in the world ♥

Based on the feedback I received on my first giveaway, my second giveaway will include again the Morphe 350 Palette!! I also am including an Essie nailpolish (since I am obsessed with them) of your color choice, a Maybelline Color Elixir lipgloss, and a Maybelline The Falsies Push Up Drama Mascara! These have been a few of my favorite…

View original post 273 more words

Sandro Botticelli: breve biografia e opere principali in 10 punti

Acclamato, famoso, innovativo.
Muore solo e povero…
:C

Due minuti d'arte

In due minuti vi raccontiamo la storia di uno dei maestri del Rinascimento, della sua bellissima Venere, della sua Primavera e della sua vita alla corte di Lorenzo il Magnifico. 

Se pensate al Rinascimento e lo collegate ad un’opera probabilmente vi verrà in mente la Gioconda di Leonardo, il capolavoro più famoso. Ma se vi chiedessero di pensare ad un’opera che esprima più di tutte lo spirito del Rinascimento allora forse pensereste alla Nascita di Venere di Sandro Botticelli.

Osservarla significa intraprendere un viaggio in mondi lontani, in un’Arcadia che non è mai esistita se non nei testi dei filosofi antichi, dove gli uomini sono saggi e forti e le donne bellissime e delicate come fiori. È questo lo spirito del Rinascimento, un’eterna primavera che Botticelli è stato in grado di cogliere e rendere immortale.

Sandro Botticelli, Primavera Sandro Botticelli, Primavera, 1482, Tempera su tavola, 203×314 cm, Galleria degli Uffizi, Firenze

LA VITA E LE…

View original post 705 more words

L’amore raccontato in 10 opere d’arte

Due minuti d'arte

Chagall, Klimt, Renoir, De Chirico, Modigliani… due minuti per raccontare cos’è l’amore per i più grandi artisti degli ultimi secoli.

Chagall, Klimt, Renoir, De Chirico, Modigliani… tutti i grandi artisti hanno dedicato almeno una delle loro opere all’amore. Ognuno di loro ha vissuto (o ha teorizzato) l’amore in modo diverso, perché in fondo anche i grandi artisti sono persone, anzi, forse lo sono più di tutti, essendo condannati alla sensibilità che fa loro vivere sensazioni e passioni in modo viscerale e completo. Ho scelto dieci opere di dieci artisti diversi per scoprire che dietro ogni tela o ogni foto c’è un diverso modo di intendere l’amore e che ognuna di loro cela una storia personale, una confessione o forse semplicemente un sublime atto estetico.

10 OPERE CHE PARLANO D’AMORE

1.Il bacio (1907-1908) del pittore austriaco Gustav Klimt è una delle opere più celebri dell’arte contemporanea e vera e propria…

View original post 1,125 more words